Traduci | Translate

venerdì 22 agosto 2014

Insalata di ceci e cotechino con erba cipollina | Ricetta estiva

Chi ha detto che il cotechino si mangia solo a Natale? Avevo in dispensa un buonissimo cotechino Modena  IGP ed avevo voglia di farne un pranzetto coi fiocchi e con questo caldo ho optato per una fresca Insalata di ceci e cotechino che i miei commensali, nonchè critici più spietati, hanno gradito al punto di dover rifarla nuovamente.


INSALATA DI CECI E COTECHINO CON ERBA CIPOLLINA
Ingredienti
250 g di ceci secchi
1 cotechino Modena IGP
un mazzetto di erba cipollina
un mazzetto di prezzemolo
1 spicchio d'aglio
olio extravergine di oliva
sale
qualche cucchiaio di olio piccante

Preparazione
Lavare i ceci con acqua e bicarbonato e lasciarli in ammollo per circa 12 ore.
L'indomani scolare i ceci, sciacquarli e lessarli in pentola a pressione con 2 bicchieri d'acqua per circa 40-50 minuti dal fischio.
Una volta cotti i ceci, scolarli e condirli con olio e sale, quindi lasciarli raffreddare mescolando di tanto in tanto. 
Nel frattempo cuocere il cotechino Modena IGP secondo la procedura indicata nella scatola in base alla modalità da voi preferita, se in pentola o al microonde, quindi scolarlo bene (se possibile tamponarlo leggermente con della carta assorbente) e farlo intiepidire. Tagliare il cotechino a fettine e poi a pezzetti, unirlo ai ceci precedentemente lessati, aggiungere se necessario dell'altro olio, dell'olio piccante, l'aglio tritato, l'erba cipollina ed il prezzemolo. 
L'insalata è pronta e può essere consumata subito o conservata in frigo e servita al momento opportuno.

N.B. NON AUTORIZZO la pubblicazione delle foto e dei testi (in tutto o in parte), in alcuno spazio della rete, senza preventiva richiesta perchè sono protetti dalla legge sul diritto d'autore n. 633/1941e successive modifiche. Copyright © I pasticci di Luna All Rights Reserved

sabato 16 agosto 2014

Ricetta | Olio Santo ovvero l'olio piccante siciliano

Sapete cos'è l'"olio santo"? Se siete siciliani non ho dubbi sulla risposta infatti in Sicilia l'olio santo è presente nella maggior parte delle dispense siciliane. Viene utilizzato per condire e profumare le molteplici preparazioni siciliane, dalla pastasciutta alla pizza, passando per l'insalata! Si tratta di olio extravergine di oliva di ottima qualità (e qui ci sta l'obbligo di specificare che l'olio dev'essere extravergine, italiano e DOP) nel quale sono stati immersi e fatti macerare dei peperoncini molto piccanti.



La preparazione è veramente molto semplice

OLIO SANTO SICILIANO
Ingredienti
olio extravergine di oliva DOP q.b.
un mazzetto di peperoncini bio molto piccanti

Preparazione
Pulire i peperoncini strofinandoli con un panno umido (in alternativa lavarli e poi farli asciugare per qualche ora su un canovaccio pulito), quindi tagliarli a fettine sottili. Per quest'operazione io indosso i guanti di lattice, tengo i peperoncini attraverso il loro picciolo li taglio con delle forbici da cucina. 
Versare i peperoncini tagliati con tutti i semi in un barattolo sterilizzato, quindi coprire con l'olio extravergine di oliva. 
Coprire con un foglio di pellicola per alimenti, chiudere bene il barattolo e riporlo a riposare al buio in un luogo fresco ed asciutto per qualche settimana prima di utilizzarlo.



Potrete utilizzare l'olio santo per condire dei crostini di pane, per profumare le vostre zuppe o la pizza, le insalate, la pasta, insomma potete dar sfogo alla vostra fantasia, ma vi avverto: andateci piano, dosatelo con un cucchiaino da caffè perchè è davvero molto piccante. 
Se vi piace mangiare piccante sono certa che vi piacerà! Ciao alla prossima ricetta.


N.B. NON AUTORIZZO la pubblicazione delle foto e dei testi (in tutto o in parte), in alcuno spazio della rete, senza preventiva richiesta perchè sono protetti dalla legge sul diritto d'autore n. 633/1941e successive modifiche. Copyright © I pasticci di Luna All Rights Reserved

martedì 12 agosto 2014

Cotechino Modena IGP | Progetto Food blogger: la miglior ricetta a base di salumi DOP/IGP

Anche quest'anno, come l'anno scorso, sono stata scelta da ISIT per fare da testimonial per promuovere una corretta informazione sull'origine, le garanzie e le proprietà nutrizionali dei salumi DOP/IGP e sul loro ruolo in una dieta varia ed equilibrata.
Nell'ambito di questo progetto proporrò due ricette con i salumi che mi sono stati assegnati e prima di fare ciò, trovo indispensabile parlarvi un po' del Cotechino Modena IGP.


Il cotechino è un impasto di carne suina magra ricca di tessuto connettivo insaccato in budello. generalmente è commercializzato prevalentemente precotto, imbustato e sterilizzato per consentire una preparazione più
pratica e rapida.
Non so voi ma io avevo sempre creduto che il cotechino fosse un insaccato molto grasso (ragion  per cui di solito, almeno a casa nostra, si mangia sempre e solo nel periodo invernale) e in occasione di questo progetto invece, ho fatto i conti con la mia ignoranza. 
Ma voi, lo sapevate che 100 g di cotechino Modena IGP cotto e scolato dal liquido, contiene meno colesterolo rispetto ai gamberi ed al formaggio cremoso spalmabile? Infatti il Cotechino Modena contiene 86 mg/100g rispetto ai 150 dei gamberi ed ai 90 del formaggio cremoso spalmabile. E chi lo avrebbe mai detto?
Ma non è tutto, infatti l'ISIT ha compiuto uno studio confrontando gli stessi salumi/insaccati nell'arco di tempo 1993-2011 ed è emerso che negli anni, cambiando le tecniche di conservazione dei prodotti, si sono registrati miglioramenti su determinati fattori importanti per la salute. Ad esempio, nel caso del cotechino Modena IGP, si è riscontrata una riduzione del contenuto di sale del 27% (per la cronaca, contiene meno sale rispetto a molti altri salumi come Mortadella Bologna IGP, Coppa, Speck e altri ancora). Si sono inoltre registrate delle notevoli riduzioni del contenuto in grassi saturi del 38% e dell'8% per i grassi insaturi, del colesterolo una  riduzione del 12% mentre de 18% per le Kcal.
Io non avrei mai detto che il cotechino contenesse meno sale rispetto alla mortadella e voi?

N.B. NON AUTORIZZO la pubblicazione delle foto e dei testi (in tutto o in parte), in alcuno spazio della rete, senza preventiva richiesta perchè sono protetti dalla legge sul diritto d'autore n. 633/1941e successive modifiche. Copyright © I pasticci di Luna All Rights Reserved

giovedì 7 agosto 2014

Come realizzare Hello Kitty in pasta di zucchero con decorazioni complete per una torta a tema | Tutorial passo passo per inesperti

Non so da voi, ma qui tutti vanno matti per Hello Kitty! Dai grandi ai piccini, Hello Kitty è amata e in giro vedi moltissime cose, dai giocattoli alle borsette, dai trucchi per bambini alle sorprese nelle patatine, vestiti poi... e naturalmente montagne di decorazioni per torte.  A proposito, avete mai provato a realizzare le decorazioni in pasta di zucchero per una torta in tema Hello Kitty? Io ho provato oggi e devo dire che non pensavo di impiegare così poco tempo per farle e, soprattutto, che fosse così facile.  


Sono rimasta così soddisfatta dalla semplicità con cui realizzare delle belle decorazioni a tema che ho pensato di pubblicare le foto del passo passo così da mostrarvi come fare.

Prelevare un pezzetto di pasta di zucchero bianca e lavorarlo con le mani finchè non risulterà morbido e lavorabile quindi formare una pallina, che sarà la testa di Kitty.
Con le dita schiacciare in prossimità della parte superiore e modellare gli orecchi di Kitty.
Prelevare quindi un altro pezzetto di pasta di zucchero, che sia poco più grande del precedente, lavorarlo e formare una pallina che occorrerà rotolare all'interno di due dita tese per creare una sorta di cono. Questo sarà il busto di Kitty.
Prendere della pasta di zucchero color rosa (o altro colore che si preferisce per il vestitino), quindi lavorarla tra le mani e stenderla con un matterello. Avvolgere il busto di Kitty con quest'ultima cercando di non farlo aderire perfettamente al busto precedentemente preparato. In particolare la parte inferiore dovrà essere staccata dal busto così da poter realizzare le pieghe del vestitino.
Inserire nel busto di Kitty un bastoncino di legno. Sarà utile per tenere la testa.



Con un tagliapasta ad espulsione a forma di cuore, ritagliare due piccoli cuoricini dalla pasta utilizzata per il vestito. Questi serviranno per creare il fiocco che Kitty ha sulla testa. Disporre i due cuoricini in modo che le loro punte combacino, quindi premerle leggermente per unirle. Coprire con una piccola pallina le due punte unite.
Praticare due piccoli fori in corrispondenza degli occhi di Kitty, quindi coprirli con due piccole palline di pasta di zucchero nera.
Praticare dei leggeri solchi in corrispondenza dei baffi di Kitty e posizionare anche i baffi, ricavati da altra pasta di zucchero nera.
Posizionare una piccola pallina di pasta di zucchero gialla in corrispondenza del nasino.
Con della pasta di zucchero bianca, creare tanti piccoli cuoricini bianchi da posizionare sul vestitino.
Creare inoltre due palline bianche da posizionare e schiacciare in corrispondenza dei piedi e due cilindretti da posizionare in corrispondenza delle braccia. 
Posizionare la testa di Kitty sul busto infilzato con il bastoncino di legno e procedere creando tanti piccoli fiorellini, cuoricini e farfalle di diversi colori e misure. 
Le decorazioni sono così pronte per essere posizionate sulla torta.



Vorrei dedicare queste decorazioni al 40° anniversario di Hello Kitty che ricorre proprio quest'anno. Per
l'occasione il personaggio di Hello Kitty ha partecipato al Giffoni Film Festival con Jim Jam, la famosa tv per bambini e genitori, che sul canale 621 di Sky distribuisce le sue serie animate.
Il personaggio di Hello Kitty ha sfilato come una star tra i bambini, lasciandosi fotografare con loro in mezzo a tantissimi palloncini e piogge di coriandoli.
In effetti il 40° anniversario di Hello Kitty meritava una festa come quella organizzata durante il Giffoni Film Festival e sicuramente merita l'importanza che Jim Jam le riserva. Non dimentichiamo che Jim Jam trasmette cartoni animati di un certo livello, in grado di stimolare e divertire i bambini fornendo perciò un valido aiuto ai genitori. Lì vengono trasmessi cartoni animati molto amati come Il Trenino Thomas e i suoi amici™; Bob aggiustatutto™; Pingu™; Barney™; Angelina Ballerina™Sam il pompiere™ e molto altro. Inoltre trasmette in più di 50 paesi in Europa, Medio Oriente, Africa e Asia e in 12 lingue diverse in oltre 17 milioni di abbonati nel mondo, e trasmette in esclusiva per l’Italia le serie animate di Hello Kitty: come ad esempio Le Favole di Hello Kitty, Il Villaggio di Hello Kitty, Hello Kitty – Il Bosco dei Misteri, Imparando con Hello Kitty e tante altre. Questo dimostra che Hello Kitty è molto apprezzata, ma questo si sapeva già, infatti nei negozi Hello Kitty si trovano più cose per noi adulti che per i bambini!


N.B. NON AUTORIZZO la pubblicazione delle foto e dei testi (in tutto o in parte), in alcuno spazio della rete, senza preventiva richiesta perchè sono protetti dalla legge sul diritto d'autore n. 633/1941e successive modifiche. Copyright © I pasticci di Luna All Rights Reserved

giovedì 31 luglio 2014

Ricetta | Pollo infilzato fritto ma non fritto

La ricetta che vi propongo oggi è un classico in casa mia, infatti come vi ho spiegato nel lontano gennaio del 2009, lo cuocio in una buona padella antiaderente ma senza aggiungere ulteriori grassi, ottenendo ugualmente un pollo con la crosticina dorata. 


POLLO INFILZATO FRITTO MA NON FRITTO
Ingredienti
Pollo in pezzi già pulito
sale
pepe
rosmarino
formaggio a cubetti
aglio
a piacere succo di limone o aceto bianco



Preparazione
Con un coltello appuntito praticare dei fori al pollo all'interno dei quali inserire sale e pepe, uno spicchio d'aglio, qualche chiodo di rosmarino ed un cubetto di formaggio. 
Posizionare il pollo in una buona padella antiaderente, quindi accendere il fornello più piccolo e regolare la fiamma in modo che sia bassa, aggiungere del sale e pepe. A piacere potete aggiungere del succo di limone o qualche cucchiaio di aceto bianco. Coprire e lasciare cuocere fino a doratura.

Questo è uno di quei metodi che reputo furbi per evitare di assumere inutilmente più calorie del previsto, però tenete conto che comunque la pelle del pollo è grassa (osservate bene sul fondo della padella la quantità di grassi che si sono depositati) pertanto se siete a dieta meglio non  mangiare la pelle e se proprio non resistete alla tentazione, armatevi di comodi shorts e scarpette leggere ed andate a fare jogging! :P 

N.B. NON AUTORIZZO la pubblicazione delle foto e dei testi (in tutto o in parte), in alcuno spazio della rete, senza preventiva richiesta perchè sono protetti dalla legge sul diritto d'autore n. 633/1941e successive modifiche. Copyright © I pasticci di Luna All Rights Reserved

Stampa questa ricetta

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

seguimi su GooglePlus!