Ricetta | Barchette di pasta gratinate con cucuzza siciliana e capocollo di Calabria

8:30:00 AM

In questo periodo da noi si fanno delle belle scorpacciate di cucuzza siciliana che, generalmente viene preparata in umido ma capirete che quando c'è caldo come adesso, viene anche voglia di prepararci dell'altro... e allora perchè non abbinarla a dell'ottimo capocollo di Calabria DOP


Il motivo di questa scelta è dovuto al fatto che mi piace mescolare i sapori meno decisi con quelli forti, e la cucùzza siciliana abbinata ad un salume come il capocollo di Calabria, mi ha subito fatto venire l'acquolina in bocca oltre che farmi pensare che questa poteva essere la ricetta ideale per concorrere alla premiazione della miglio ricetta nell'ambito del progetto “Food blogger: la miglior ricetta a base di salumi DOP/IGP” di cui vi spiegavo qui.
D'altro canto avrete letto nel mio post sul capocollo di Calabria DOP che questo possiede delle proprietà nutrizionali rilevanti, ma soprattutto non è più bandito dalle diete povere di grassi o di sale. E allora perchè non abbinarlo a delle verdure e realizzarci un piatto unico? Subito per me è stata una buona idea quella di riunire in un unico piatto le proteine e le vitamine del capocollo con le vitamine e le fibre della cucùzza e della besciamella vegetale preparata con il dado vegetale fatto in casa.  Giudicate voi!


BARCHETTE DI PASTA GRATINATE CON CUCUZZA SICILIANA E CAPOCOLLO DI CALABRIA
Ingredienti
Pasta formato barchette (o altra forma che si presta ad ospitare un ripieno)
1 cipolla
300 g di capocollo di Calabria DOP
1 cucuzza siciliana
besciamella vegetale (per la ricetta clicca qui)
formaggio da grattugiare ( parmigiano)

Preparazione
Lessare la pasta al dente e porla capovolta a scolare e raffreddare. 
Affettare la cipolla e porla in un wok antiaderente assieme al capocollo di Calabria DOP tagliato a piccoli pezzi. Porre il wok sul fuoco a fiamma molto bassa e coprire. Con il calore, il grasso del capocollo si scioglierà, permettendo così alla cipolla di cuocersi e dorarsi anche senza l'aggiunta di ulteriori grassi, stessa tecnica che ho utilizzato anche nella preparazione dei canederli al salame Piacentino DOP
Lavare, sbucciare e svuotare la cucùzza siciliana, tagliarla in piccoli cubetti ed aggiungerla al soffritto. Mescolare bene e coprire, lasciando cuocere sempre a fiamma molto bassa. 
Avrete notato che non è prevista alcuna aggiunta di sale. Il motivo è intuibile dal fatto che con la cottura, e la conseguente perdita di parte grassa, i salumi diventano più sapidi equilibrando quindi anche la sapidità degli altri ingredienti.
Nel frattempo preparare la besciamella vegetale (la ricetta è qui) che io preferisco all'originale per la presenza delle verdure e per il fatto che non contiene burro.
Riempire le barchette di pasta precedentemente lessate, avendo cura di lasciare un pò di spazio per la besciamella, ed adagiarle nella pirofila scelta per la cottura. Completate il tutto con una manciata di formaggio grattugiato e porre in forno a 250°C circa fino a che non si sarà colorata la superficie delle barchette. 




Questa ricetta è ottima ma i miei assaggiatori ufficiali (figlio, marito e collega del marito) hanno confermato che era ancora più buona la sera.
Non mi resta che augurarvi buon appetito!

N.B. NON AUTORIZZO la pubblicazione delle foto e dei testi (in tutto o in parte), in alcuno spazio della rete, senza preventiva richiesta perchè sono protetti dalla legge sul diritto d'autore n. 633/1941e successive modifiche. Copyright © I pasticci di Luna All Rights Reserved

Potrebbero interessarti anche

8 commenti

  1. Puo essere cher la "cucuzza" sia ormai conosciuta nel mondo ma io pevrina da Trieste sono andata a vedere cosa sia anche immaginando alla zucchetta magari un po particolare, qui di sicuro queste siciliane non arrivano e nemmeno di una certa dimensione ma solo zucchine piccole o grosse ma verde scuro o chiaro altre NO.
    Quindi proverò con le "cucuzze" nostrane ovvero quelle che mi vengono offerte,
    Buona domenica.

    RispondiElimina
  2. Complimenti per la pasta gratinata, sempre sfiziosa, e per aver affrontato il dado casalingo senza Bimby ! Anch'io lo faccio, ma confesso che se non avessi il robot che lo fa per me, non mi ci metterei. Brava ! Buona domenica, Ilaria

    RispondiElimina
  3. Biedda mia, spero ne siano rimaste un paio per me!! un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. tesoro, soprattutto in questo momento, ti basta chiedere e te la porto fino a Palermo! :D

      Elimina
  4. Buonissima la pasta ripiena e io che la faccio di rado! Poi così mi sembra davvero leggera! quella fettina di capocollo messa in mezzo mi fa venire l'acquolina! Ecco un buon mangiare!

    RispondiElimina
  5. Pensavo di essere la prima! :D :D :D Luna, mi piace moltissimo la tua idea, davvero! Brava!!!

    RispondiElimina
  6. Luna che meraviglia!! io adoro la pasta gratinata e la cucuzza poi mi ricorda la nonna! buonissime ^_^

    RispondiElimina

Ciao grazie per aver letto fin qui, è sempre un piacere leggere i vostri commenti. Li leggo sempre tutti anche se non sempre rispondo, ma generalmente lo faccio se mi vengono poste domande.
Tornate a trovarmi, vi aspetto!

da Instagram

Scrivimi

Nome

Email *

Messaggio *