Ricetta | Canederli al salame, in brodo

8:54:00 PM

Ricordate il mio post esplicativo sul Salame Piacentino D.O.P.? Lì vi avevo raccontato di esser stata scelta come Foodblogger per far parte di un progetto importante, quello organizzato dall'ISIT (Istituto Salumi Italiani Tutelati).
Oggi vi mostro la mia ricetta che parteciperà e sarà valutata nell'ambito del progetto.



Ho scelto i canederli perchè rappresentano uno di quei piatti che amo, quelli "adatti" al mio blog, infatti per me rappresentano un piatto molto povero, di riciclo, ma ciononostante rappresentano altresì uno di quei piatti che ordinerei al ristorante... sì sono un piatto da ristorante! 
Ci tengo a precisare che non ho mai assaggiato i veri canaederli non essendo mai stata in Sud Tirolo, e spero che questa mia interpretazione sia all'altezza degli originali, infatti mi sono ispirata alla ricetta depositata da Edoardo Mori.

CANEDERLI AL SALAME IN BRODO
Ingredienti
240 g di pane raffermo senza crosta
120 g di salame piacentino D.O.P.
1 uovo
1/2 cipolla (io rossa di Tropea)
1 cucchiaio da tavola di farina
latte q.b. 
pangrattato q.b.
un mazzetto di menta
un mazzetto di prezzemolo
1 spicchio d'aglio

Brodo vegetale (*)

(*) io preferisco prepararlo con il dado vegetale fatto in casa, infatti tutte le verdure vengono frullate e non filtrate restando quindi nel brodo.


Preparazione
Tagliare a dadini piccoli il pane raffermo. Tagliare il salame piacentino in piccolissimi cubetti, quindi porlo a soffriggere con la cipolla tritata. Io non ho aggiunto olio, infatti utilizzando una padella antiaderente (io preferisco il wok), siccome il salame ha la sua parte di grasso, ponendolo sul fuoco basso, questo si scioglie sostituendo l'olio del soffritto. Non ho aggiunto neppure il sale, perchè soffriggendo il salame prende sapore. 
Riunire in un'ampia scodella i dadini di pane, il soffritto precedentemente preparato ed intiepidito, le erbe e l'aglio tritati, l'uovo sbattuto e mescolare. Aggiungere la farina ed il latte a filo, continuando a rimestare delicatamente, avendo cura di ottenere un impasto che non sia nè troppo duro nè troppo molle. 
Se dovessero risultare troppo duri, aggiungere qualche cucchiaio di latte, mentre se dovessero risultare troppo molli, aggiungere qualche cucchiaio di pangrattato.
Non ho aggiunto altro sale nè pepe perchè il soffritto era piuttosto saporito.
Coprire la scodella con un foglio di pellicola e porre a riposare per 15-20 minuti, se possibile anche di più perchè prendono sapore. 
Secondo la tradizione i canederli dovrebbero avere un diametro di circa 5-6 cm, ma io ho preferito farli leggermente più piccoli.
Per formare i canederli ho utilizzato una piccola scodellina contenente dell'acqua, nella quale inumidivo le mani prima di prelevare pezzetti d'impasto che comprimevo delicatamente tra i palmi delle mani, formando le palline. Secondo la tradizione, l'impasto non va schiacciato affinchè i canederli mantengano la loro struttura porosa. 

Nel frattempo preparare il brodo vegetale. Generalmente metto un cucchiaio da tavola del dado vegetale fatto in casa per ogni litro di acqua. 
Gettare i canederli nel brodo bollente e far cuocere da 10 a 15 minuti (dipende dalla grandezza).
Servire ancora caldi, aggiungendo dell'olio extravergine di oliva.

Buon appetito!

N.B. NON AUTORIZZO la pubblicazione delle foto e dei testi (in tutto o in parte), in alcuno spazio della rete, senza preventiva richiesta perchè sono protetti dalla legge sul diritto d'autore n. 633/1941e successive modifiche. Copyright © I pasticci di Luna All Rights Reserved

Potrebbero interessarti anche

15 commenti

  1. Sai che qualche giorno fa, li ho fatti anche io, con lo speck...ma io tuoi sono (più) belli (dei miei!)

    RispondiElimina
  2. E buon appetito si.... Lunetta cara!!! Non conosco i canederli ne tantomeno so come sono gli originali del Tirolo, ma i tuoi meritano un applauso. Baci!!

    RispondiElimina
  3. ottimo piatto! solitamente li facciamo asciutti come secondo piatto, ma cotti e serviti in un ottimo brodo fumante sono un primo piatto semplice e divino!
    baci baci

    RispondiElimina
  4. per non averli mai mangiati in montagna li hai fatti davvero bene! e te lo dice una che in montagna ci va sempre e adora i canederli!

    RispondiElimina
  5. UH!!! ecco cosa ne hai fatto di quel salame! è stata un idea geniale :)

    RispondiElimina
  6. Mi sa che li devo provare ho un sacco di pane raffermo ed è da un pó che ci penso. Baciuzzi

    RispondiElimina
  7. Mi sa che mi tocca farli ho del pane raffermo ed è da un pó che ci penso

    RispondiElimina
  8. Sono perfetti, io li ho mangiati in Trentino ed erano piccoli come i tuoi, l'aspetto è meraviglioso!!
    Invidio molto il fatto che non ti si siano spaccati in cottura..cosa che a me, con la ricette di mia suocera succede quasi sempre!! Ergo proverò la tua ricetta :D
    Un abbraccio grande grande
    Ale

    RispondiElimina
  9. Devo provare la tua ricetta!! Con quella di mia suocera rompo una pallina su due :D
    Li ho mangiati in Trentino, ed erano piccoli come i tuoi, esteticamente ti sono venuti davvero perfetti mia cara, hanno un aspetto invitante davvero!
    Un abbraccio grandissimo
    Ale

    RispondiElimina
  10. Sono bellisime e perfetti, adoro questo piatto. Buona serata Daniela.

    RispondiElimina
  11. Uhmmmm che ricetta gustosa!!! Volio provarla anch'io, grazie :-)

    RispondiElimina
  12. Che spettacolo questi canederli al salame, non i soliti. Tra l' altro ti sono usciti benissimo, complimenti!

    RispondiElimina

Ciao grazie per aver letto fin qui, è sempre un piacere leggere i vostri commenti. Li leggo sempre tutti anche se non sempre rispondo, ma generalmente lo faccio se mi vengono poste domande.
Tornate a trovarmi, vi aspetto!

da Instagram

Scrivimi

Nome

Email *

Messaggio *