Traduci | Translate

lunedì 24 marzo 2014

Curiosità sull'Olio extravergine d'oliva a denominazione di origine protetta

Qualche settimana fa sono stata invitata dalla Feder Dop Olio, a partecipare ad un corso sull'olio extravergine d'oliva DOP, a Roma. Non potete immaginare quanto mi abbia fatto piacere, infatti chi mi conosce sa che amo Roma e sa anche che sono un'appassionata di olio d'oliva, e tutti gli anni partecipo attivamente alla raccolta, mi reco al frantoio, ho addirittura studiato le tipologie di innesti oltre che conoscere le malattie dell'ulivo o i metodi naturali per sconfiggere i parassiti che lo danneggiano... insomma, era proprio pane per i miei denti, quel corso!


Nel giro di poche ore ero in partenza alla volta di Roma. Immaginate me, che di solito non viaggio da sola, ma che stavolta con spirito d'intraprendenza parto da casa in piena notte, percorro 100 km in macchina godendomi le luci dell'alba sull'autostrada, che volo a Roma.... tutto sembra perfetto fin qui, tranne che per il fatto che a causa di un ritardo aereo ho dovuto correre lungo tutto l'aeroporto di Fiumicino per recarmi dalla parte opposta a dove mi trovavo, per prendere al volo la navetta che mi avrebbe condotta in città.


Il corso propedeutico formativo sull'Olio d'oliva DOP è stato veramente molto interessante... c'erano alcuni esperti, ognuno nel suo settore specifico, che ci hanno spiegato tante cose, alcune delle quali a me ancora sconosciute.
La cosa che mi ha colpita di più è stata quella di scoprire dal Prof. Servilli dell'Università di Perugia, la differenza che c'è tra l'olio extravergine di oliva italiano e quello straniero, e la prova concreta sul motivo per il quale quello straniero costa molto meno. Ciò che è emerso è che l'olio extravergine di oliva proveniente dall'estero costa di meno solo perchè è molto ma molto più scadente: molto dipende sia da cosa accade nell'intervallo di tempo che inizia dal momento della raccolta fino al momento dell'estrazione dell'olio, ma anche da come quest'ultima avviene. 
E poi ci sono anche tante varietà di cultivar ad influire.  
Ma questa è solo una delle cose delle quali si è parlato, credo che un post non mi basterà per raccontarvi quante cose ho sentito ed ho scoperto, ci sono davvero tantissime cose che la maggior parte di noi ignora. 
Ad esempio, lo sapevate che le sostanze contenute in un'oliva, non le contiene nessun altro elemento presente in natura oltre a lei? Nell'oliva quelle sostanze sono talmente concentrate da renderla amara al gusto, cosa che tra l'altro le serve per difendersi dall'attacco dei parassiti ed incide sulla qualità dell'olio. 
Più l'olio d'oliva è piccante ed amaro e più buono... e d'altro canto, in Sicilia si dice "comu ricivanu l'antichi, auliva 'mmàra càttala cara" (ovvero come dicevano i vecchi saggi, l'oliva amara comprala a prezzo più alto, nel senso che è migliore e vale di più).  L'olio extravergine di oliva amaro, è più ricco di sostanze rispetto agli altri olii meno amari, tanto da essere consigliato nell'utilizzo per la cottura, infatti contenendone tantissime, continuerebbe ad averne anche dopo la cottura, durante la quale si sa che si degradano.
Tali sostanze sono molto importanti, infatti di tutte le sostanze fenoliche provate, le uniche che hanno avuto riscontro scientifico positivo, sono solo quelle dell'olio d'oliva. I composti fenolici bioattivi presenti nelle olive, sono importanti a livello farmacologico, infatti è stato dimostrato con oltre 30 anni di studi che hanno proprietà utili alla prevenzione del cancro, come antiossidanti, antinfiammatori, cardiovascolari e altro ancoraPer oggi mi fermo qui, ma prima di salutarvi vorrei farvi riflettere sul fatto che non tutti, al momento dell'acquisto dell'olio extravergine di oliva, badano al fatto che sia DOP, ovvero a Denominazione di Origine Protetta, infatti molto spesso per risparmiare, acquistano l'olio che costa meno, pensando erroneamente che gli olii extravergini siano tutti uguali. Sbagliano. E allora vi saluto con una domanda che spero vi porti a riflettere: 
Perchè su una bottiglia di vino, che finisce in una sera, siamo portati a spendere anche parecchie decine di euro e invece su una bottiglia di olio extravergine di oliva, che dura anche per dei mesi, preferiamo spendere il meno possibile? 
Io una cosa l'ho capita: le sostanze benefiche che contiene l'olio d'oliva, il vino non le contiene di sicuro.


N.B. NON AUTORIZZO la pubblicazione delle foto e dei testi (in tutto o in parte), in alcuno spazio della rete, senza preventiva richiesta perchè sono protetti dalla legge sul diritto d'autore n. 633/1941e successive modifiche. Copyright © I pasticci di Luna All Rights Reserved

8 commenti:

  1. ho trovato questo post molto interessante.
    Grazie mille e buona serata.
    inco

    RispondiElimina
  2. Interessante questo post.
    Peccato non esser potuto venire alla presentazione.
    Vabbe', tanto noi ci siamo visti dopo! ;)

    A presto! :))

    RispondiElimina
  3. Pieeeeeee hai anticipato il post successivo ahahahah :p

    RispondiElimina
  4. brava Luna!!certo che i trasporti fanno pena, costano un occhio e il rapporto qualita'prezzo e'pari a zero!!
    meno male che ti sei rifatta con questa bellissima esperienza :)

    RispondiElimina
  5. roma è bellissima.
    anche questo incontro sull'olio d'oliva è stato interessante, io lo adoro, lo uso dappertutto anche per friggere.

    RispondiElimina

Ciao grazie per aver letto fin qui, è sempre un piacere leggere i vostri commenti. Li leggo sempre tutti anche se non sempre rispondo, ma generalmente lo faccio se mi vengono poste domande.
Tornate a trovarmi, vi aspetto!

Stampa questa ricetta

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...