Ricetta Lumìa cunzàta: pane e limone, uno dei piatti più poveri dell'antica cucina siciliana

12:46:00 AM

U pani cu a lumìa cunzàta è uno dei piatti più poveri che appartengono all'antica cucina siciliana. Io l'ho conosciuto grazie a mio nonno Giuseppe, il quale cenava spesso così sia per le proprietà rinfrescanti e digestive di questo piatto ma probabilmente anche per il fatto che non avendo più denti, per lui era più facile mangiare il pane, inzuppandolo appunto nel brodino


Ero piccolina quando vidi cenare mio nonno per la prima volta con questa strana preparazione... ricordo che mi stupì questa sua strana cena e lui dovette insistere per farmi assaggiare u pani cu a lumìa... in realtà da quel momento divenne uno dei miei piatti preferiti. 
Non stento a capire il motivo per cui "gli antichi" mangiavano il limone condito col pane, infatti a parte che era un modo assolutamente economico per smaltire il pane raffermo (quello rigorosamente preparato in casa, nel forno a legna e con il lievito madre), il limone ha anche tantissime proprietà benefiche: è disinfettante e depurativo, favorisce il ricambio energetico delle cellule, è ricco di vitamina C, riduce il colesterolo cattivo, combatte i reumatismi, la gotta, l'artrite, l'arteriosclerosi, favorisce la circolazione sanguigna, allontana l'influenza e le malattie infettive e molto altro ancora! 
Devo dire che "gli antichi" la sapevano veramente lunga, infatti riciclavano e risparmiavano mangiando bene, assumendo cibo di notevoli proprietà. 
Chiaramente parliamo di pochissimi ingredienti ma assolutamente di qualità: il pane fatto in casa col metodo tradizionale, limoni (preferibilmente cedri) biologici, olio extravergine di oliva "di casa"... sì perchè più gli ingredienti sono pochi e più quelli che ci sono devono essere di qualità.



Preparare U pani cu a lumìa cunzàta è semplice.
Per ogni persona occorrono:
1 limone biologico grande (preferibilmente cedro)
1 cucchiaio di olio extravergine di oliva (e vi consiglio olio extravergine di oliva DOP)
un pizzico di sale 
un pizzico di peperoncino
1/2 bicchiere d'acqua
pane raffermo

Preparazione
Lavare il limone e privarlo della buccia. Tagliarlo a metà e spremerlo leggermente conservando il succo in un piatto fondo. Tagliare il limone a cubetti e porre questi ultimi nel piatto fondo, assieme al succo prima spremuto. Aggiungere sale, peperoncino ed acqua. Unire l'olio e mescolare. Far riposare per circa 15 minuti, quindi unire il pane raffermo tagliato a pezzetti e servire. 

Buon appetito!

N.B. NON AUTORIZZO la pubblicazione delle foto e dei testi (in tutto o in parte), in alcuno spazio della rete, senza preventiva richiesta perchè sono protetti dalla legge sul diritto d'autore n. 633/1941e successive modifiche. Copyright © I pasticci di Luna All Rights Reserved

Potrebbero interessarti anche

4 commenti

  1. Questa si che mi è nuova e ti ringrazio per aver postato questa preparazione.
    Il cedro, quello biologico, è buonissimo senza buccia e mangiato con il sale, per esempio. Quella parte bianca si pensa sia amara invece non lo è.
    E' un vero piacere leggere post come questo, ricordare le vecchie abitudini, tradizioni, usanze. Grazie!

    RispondiElimina
  2. Trovo le storie di vita, di cucina e di nonni davvero fantastiche. E la ricetta sa d'amore e di tradizione... complimenti, ho sangue siciliano e sono felice di aver conosciuto questa ricetta =)
    Vale

    RispondiElimina
  3. non conoscevo questa ricetta cosi particolare

    RispondiElimina
  4. Non conoscevo questa ricetta! Beh, tradizionale e del ricordo, come piace a me!

    RispondiElimina

Ciao grazie per aver letto fin qui, è sempre un piacere leggere i vostri commenti. Li leggo sempre tutti anche se non sempre rispondo, ma generalmente lo faccio se mi vengono poste domande.
Tornate a trovarmi, vi aspetto!

da Instagram

Scrivimi

Nome

Email *

Messaggio *